Running e resistenza interiore

La lezione che l’antropologia filosofica può offrire al maratoneta

La corsa è spazio e distanza. Ma soprattutto è resistenza. E resistenza, in particolare nella maratona, significa una lotta interiore contro i pensieri che ci dicono di mollare, di fermarci. In questo video Luca Grion e Giovanni Grandi – direttori di Anthropologica – dialogano sull’essenza della corsa nelle lunghe distanze. Una riflessione appassionata e appassionante che incrocia il running con la storia del pensiero, viaggiando a ritroso fino al monachesimo e all’antirresis di cui ci parla Evagrio Pontico, ovvero la strategia di contrasto alla tentazione che consiste nella capacità di opporre ad un pensiero negativo un pensiero antagonista positivo.

 

Sullo stesso tema si veda anche l’approfondimento pubblicato da Luca Grion su “La Repubblica dei Runner“, laddove si parla di resilienza e della lezione che gli antichi monaci ci consegnano per combattere la tentazione del ritiro.

LEGGI IL POST

Vuoi far conoscere questo articolo ai tuoi amici e followers?

Informativa sui cookies

Con questa informativa si chiariscono le modalità d’uso dei cookie o altri strumenti per l’archiviazione di dati personali (da qui in poi “cookie”) sul presente sito.